Certi giorni la stanchezza è un sacco di parole
attaccato alle braccia.
Il corpo è esausto, vuole cadere.
Pesantezza dei muscoli.
Come se qualche sostanza tossica
adrenalina, potassio, ricordi
si fosse accumulata
bicipiti, tricipiti, tensori, quadricipiti

Gambe, faccia, schiena
non vogliono che fermarsi.

Come sassi schiantati da traiettoria galattica,
sbriciolarsi a terra.

Restare

Questa voce è stata pubblicata in poesia. Contrassegna il permalink.

I commenti sono chiusi.